The Vampire Diaries 6×01 – Recensione dell’episodio ‘I’ll remember’

Di The vampire diaries vi avevo parlato parecchio tempo fa a proposito dei piaceri trash. Ho iniziato a familiarizzare con la serie per lavoro, mi capitava di occuparmi di clip promozionali foto e varie. Poi ho iniziato ad incappare nelle repliche delle prime stagioni e l’ho seguita in maniera più o meno discontinua, abbastanza però per apprenderne i contenuti fondamentali: protagonista umana, bella, buona e sfortunata, contesa tra due fratelli vampiri, uno cavaliere bianco che dopo una vita di omicidi si redime e cerca di fare del bene, l’altro inizialmente cattivo e con una chiara passione per il bondage e poi diventato buono. Nel mezzo alcuni personaggi classici da teen drama, tipo il simil Gyles di Buffy The vampire diaries, qui traslato in Alaric cacciatore di vampiri e tutore della protagonista, il fratello emo, l’amica bionda cheerleader e il tamarro licantropo.

Regola principale per me nel seguirlo: l’ironia.  Se si prende sul serio poi si finisce nei gruppi su Facebook a litigare su con chi dovrebbe stare la protagonista e poi è un attimo che si inizia a guardare Uomini e donne ve lo dico.

Ad oggi siamo arrivati alla sesta stagione dopo una quinta che senza tanti giri di parole definirò orribile: ora non pretenderete che vi riassuma per filo e per segno tutto, quello che ci interessa ricordare è che attualmente Elena ha scelto Damon e ah è diventata un vampiro pure lei (non ve lo sareste mai aspettato veeero?), solo che per una serie di sfortunati eventi l’aldilà magico dove vanno a finire tutti i morti soprannaturali si è sgretolato, svanito, puff e non c’è più magia nell’aria a Mystic Falls e quindi nessuna creatura magica può entrarvi pena appunto, la morte . Il risultato è che nel tentativo di salvare i cari estinti dall’aldilà, Damon e Bonnie (l’amica strega che usa filastrocche in lingue morte) sono rimasti intrappolati dall’altra parte, senza alcuna possibilità di ritorno. Disperazione e lacrime.

La sesta stagione quindi si apre con un episodio per me leggermente sottotono: mi aspettavo più azione e colpi di scena, mentre qui si è preferito focalizzare le reazioni singole dei personaggi all’aver perso dei cari amici e nel caso di Elena, il suo grande amore.

Fondamentalmente i nostri eroi stanno reagendo come ci aspetta dal loro personaggio: Caroline parla così tanto che manco la madre la tollera più e spara giudizi su come sarebbe giusto affrontare il dolore tipo sfere di energia; Matt si allena con le arti marziali per imparare a difendersi dai brutti ceffi (dategli torto pora stella), Jeremy fa la muffa sul divano e ha smesso di lavarsi i capelli, Tyler è regredito alla prima stagione, Stefan è scappato e vorrebbe trovare una soluzione per portare indietro il fratello e Alaric cerca di capirci qualcosa della vita da risorto e pure vampiro.

Quella che reagisce in maniera inaspettata è proprio Elena. Voglio dire, ci si sarebbero aspettate tante lacrime, disperazione, ma comunque la sua solita tendenza a occuparsi di tutti, soprattutto del fratello emo. Invece no. Invece Elena si droga. Si vabbè, nel senso che si fa prescrivere dai gemelli stregoni (a proposito sono ancora qui?) delle erbe che le fanno vedere Damon, più o meno come prendere i funghetti.

L’effetto collaterale è una incontenibile sete di sangue che la porta a quasi dissanguare povera gente trovata sui confini di Mystic Falls. Ovviamente viene scoperta da quella palla al piede di Caroline, e dopo qualche struggimento decide che forse è il momento di provare ad andare avanti.

Cosa non ci è piaciuto:

–       Jeremy :  va bene che Elena ha perso tutta la famiglia (genitori adottivi, zia adottiva, padre vero, madre vampira) ma Jeremy secondo me ha esaurito il suo arco narrativo e la sua storia è arrivata a compimento dopo essere diventato cacciatore ed essere morto nella stagione 4. A volte alcune morti sono necessarie e quella poteva essere un trampolino per una nuova Elena, come abbiamo visto fino a quando non hanno deciso di riportarlo in vita. E infatti io pur sforzandomi, non ricordo cosa abbia fatto nella stagione 5 di utile alla trama. Aggiungeteci pure che per me l’attore è un cane vero e abbiamo fatto.

–       I gemelli stregoni: Idem con patate. Va bene, servivano degli innesti nelle puntate precedenti, ma anche loro, soprattutto lui, ormai non aggiungono nulla di nuovo alla storia, mandateli lontano e ciao.

–       La mancanza di colpi di scena e di un villain: parliamoci chiaro, dopo la partenza di Klaus non c’è più stata una storia così intrigante e Silas è stato un flop durato qualche episodio, per non parlare di Markos. Purtroppo interpretare il cattivo non è questione di prestanza fisica, voglio dire, Klaus sembra fisicamente un principe e Benjamin Linus di Lost un impiegato delle poste eppure sono per me due ottimi e spaventosi villain (non voglio paragonare Tvd e Lost sia chiaro, ma sono per me due personaggi che esplicano meglio il concetto). Sta tutto nell’interpretazione e mandata via anche Katherine il resto è noia. Da questo episodio mi aspettavo una introduzione della linea verticale più approfondita a parte il fatto che sappiamo che Damon e Bonnie sono vivi chissà dove.

Cosa ci è piaciuto:

–       Il ritorno di Alaric: mi contraddico rispetto a Jeremy per il fatto che Alaric secondo me ha sempre aggiunto un qualcosa alle vicende è stato un errore eliminarlo prima, è il Gyles di Elena e difatti è sparito in un momento in cui per il suo personaggio non ce lo aspettavamo. Ora però gli autori devono essere bravi: adesso ci sta lo spaesamento per la recente resurrezione, ma che gli si trovi una storia decente e credibile. (non mi piace invece il flirt con la nuova dottoressa che sa di fotocopiato con Meredith).

–       Stefan che spacca il cellulare pur di non sentire gli starnazzi di Caroline: durerà poco, me lo sento,  ma è sempre così bello vedere quando qualcuno la ignora.

–       Damon versione inconscio: Premesso che a me personalmente non toglie il sonno con chi stia Elena, benché trovi più interessante la coppia Elena/Damon perché più ‘viva’, ho trovato poetico il fatto che l’inconscio della ragazza usi proprio il suo grande amore per dirle cosa sarebbe giusto fare. ‘vai avanti’,‘lo sai che sono morto’ ‘ non dissanguarla’, ma anche cosa la aspetterà se deciderà di seguire il buonsenso ‘anni di agonia e dolore’.

Voto finale all’episodio 6+, che considerato quanto schifo mi abbia fatto la season 5 direi che per ora va bene così. Ci aspetta il viale dei ricordi nel prossimo episodio, e ho paura che forse per l’azione e gli intrighi dovremo ancora aspettare, ma è anche giusto venga dato spazio alla componente romance.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...