La domenica dei ciccioni: gnocchi di patate e Mrs Doubtfire

Una settimana fa ho postato una foto di un piatto di gnocchi prima e dopo la cottura, dicendo che ve ne avrei parlato in occasione di questa rubrica ‘la domenica dei ciccioni‘. Quante rubriche direte, ma io credo che il blog abbia bisogno di continuità per dare stimoli a me e tenere sempre alta l’attenzione di chi passa a leggere. Questa ultima pensata nello specifico avrà cadenza bisettimanale (sempre tenendo presente il riscontro di lettori).

La domenica dei ciccioni‘ è – come mi piace simpaticamente chiamare – il mio rito domenicale scaccia ansia: cucinare e mangiare qualcosa di buono per distrarmi dal pensiero che il lunedì è lì dietro l’angolo ad aspettarmi con il suo mare di cose da fare. Cucinare è un’altra delle mie passioni: sono i dolci le cose su cui vado forte, pur non essendo proprio l’allieva ideale di Iginio Massari. Sono convinta anche io che la pasticceria sia scienza e che richieda una precisione nella misurazione degna di Walter White, ma è pur vero che spesso mi è capitato di creare cose buonissime senza l’aiuto della bilancia.

Quello che mi diverte di più perché è una sfida è il salato e i piatti della tradizione sono per me uno stimolo continuo. Si ma tutto questo cosa c’entra con il tema generale del blog? Ebbene pensavo che sarebbe molto divertente per me condividere con voi anche questa passione, facendo la Sonia Peronaci della situazione, passandovi qui e là qualche ricetta.

Cinema e serie tv ci vanno a braccetto comunque perché per me è imprescindibile cucinare senza un film o un episodio di sottofondo, è un’abitudine che ho preso quando ero disoccupata perché la musica mi lasciava pensare troppo in uno stream of consciousness che spesso sfociava nell’angosciante consapevolezza di essere sola in casa e che ci sarei rimasta per tante ore successive e poi ancora il giorno dopo e quello dopo ancora. Impegnarmi nel seguire con attenzione qualcosa sul grande schermo mi teneva invece sempre attenta e molto allegra. E la domenica quindi quando posso mi chiudo in cucina col pc del lettore col nome di fantasia Simba e cucino recuperando qualche  film, fiction, episodio che non ho avuto tempo di vedere durante la settimana perché mi sono addormentata a faccia in giù nel piatto per la stanchezza.

Quindi l’idea è questa: io vi regalo una ricetta, mia, di famiglia, sperimentata negli anni e modificata e insieme vi ci abbino il film e la serie che mi ispira in quel momento. In questo modo vi sistemo per la domenica o la cena o la merenda e se non sapete come passare la serata vi trovate anche il consiglio su cosa vedere.

Dopo questa premessa degna di un comizio di Beppe Grillo, come avrete agevolmente intuito dal titolo il piatto prescelto è ‘Gnocchi di patate’. Essendo per me una classica pietanza domenicale da mangiare in famiglia ho pensato a quale avrebbe potuto essere il film ideale e per me è uno solo, Mrs Doubtfire.

12167708_10208157496559310_1505877211_n

Gnocchi di patate ( ricetta proveniente da appunti di nonna materna)

Ingredienti: 1,5 kg di patate; 450 gr di farina; 1 uovo; sale q.b.

Per evitare che l’impasto sia troppo molliccio ed acquoso io metto sempre metà patate gialle e metà patate rosse dure, che sono più farinose. Tenete presente che sicuramente vi servirà per impastare più farina di quella indicata. Comunque fate bollire le patate con la buccia e scolatele solo quando infilzandole con la forchetta le sentirete morbide (non si devono spappolare). Lasciate freddare e spellatele, dopodiché passatale con il passaverdure o con lo schiacciapatate (due volte è meglio così evitate eventuali grumi). Aggiungete sale, l’uovo ed impastate aggiungendo man mano la farina fino ad ottenere un impasto elastico. A questo punto non vi resta che formare tanti rotolini e tagliare da lì gli gnocchi (io mi fermo qui perché i miei gnocchi sono spartani, senza zigrinature con forchetta, tanto poi li affogo nel sugo e nessuno ci ha mai badato). Se l’intenzione è quella di prepararli prima, il mio consiglio è di disporli su un vassoio infarinato non troppo attaccati, altrimenti vi rimarranno lì appiccicati per sempre. Preparate un sugo a vostra scelta e cuoceteli come fareste abitualmente per la pasta (io ho stimato un tempo di ebollizione di cinque minuti).

A questo punto prendete il piatto e mettete su il film, che per me è uno dei masterpiece nella carriera di Robin Williams.

Mrs Doubtfire è uno dei film di Robin Williams che preferisco insieme ad Hook e L’Attimo fuggente. E’ una commedia dolceamara che da piccolina ho sentito subito molto vicina per via del mio status familiare. La storia come ben sapete è quella di una coppia con tre figli che si separa dopo tanti anni. La custodia dei ragazzi viene data alla mamma in quanto il papà non ha un lavoro stabile. Per passare più tempo con i figli l’uomo deciderà di nascondere la sua identità dietro quella di una fantomatica tata anziana, Mrs Doubtfire. Riuscirà nell’impresa di educare e seguire i ragazzi non senza parecchi imprevisti comici, fin quando però il suo segreto rischierà di venire a galla…

Questo film io l’ho visto decine di volte con mammina mia. Mamma notoriamente ama vedere programmi tv molto allegri e spensierati tipo Quarto Grado, Chi l’Ha visto e Amore Criminale (vi dico che quando è di buon umore e deve spolverare, la trovo in casa che ascolta Maria Callas), quindi capirete bene la gioia di vederla ridere quando Robin Wlliams infila la faccia in quella che ha tutta l’aria di essere una torta pronta Cameo per camuffare la sua identità. O quando viene scoperto a fare pipì dal figlio maschio e deve spiegargli la verità. E’ un film che consiglio sempre per una serata in famiglia perché è sempre un buono spunto di riflessione. Si parla di famiglia, di rapporti, dei silenzi, dei rancori, ma anche della voglia di ricominciare e cercare di ricostruire laddove è possibile.

Si piange anche un pochino ve lo dico.

Ma ne vale sempre la pena.

Buon appetito e buona visione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...