Arrow 4×06 commento all’episodio ‘Lost Souls’

Dopo 5 episodi tutto sommato dignitosi è tempo di dirlo: Arrow sta perdendo smalto.

Non so dirvi se parte del mio giudizio sia influenzato dalla visione contemporanea di The Flash, che in sole due stagioni ha raggiunto un livello qualitativo pari, se non superiore, a quello della serie madre, e che con il suo colorato mondo e un protagonista molto bravo (sorry Stephen Amell, io ti adoro, ma Grant Gustin te dà una pista), mi ha completamente conquistata, ma devo dire che Arrow non mi soddisfa più come una volta.

sara lance

L’alone di mistero che serpeggiava attorno al passato di Oliver all’inizio è svanito, complice anche questi ridicoli flashback che distruggono il fighissimo background iniziale, quello di un eroe forgiato da 5 anni di solitudine su un’isola deserta. E mi sembra che Oliver sia comunque messo in ombra dalle fortissime figure femminili che lo circondano: insomma non è più lui quello che porta a casa la vittoria, quello che fa la differenza e la sensazione è che senza Green Arrow tutto sommato il team possa farcela.

Non mi è piaciuto molto questo episodio l’ho trovato sbrigativo nel liquidare tante delle questioni in sospeso: Thea e Sara che non parlano della questione ‘scusa ti ho uccisa‘, Thea che sembra aver banalmente risolto il problema con la sete di sangue e tutti che non sono per nulla scossi dalla vicenda della resurrezione di Sara. E poi scusate, ha recuperato la sua anima e non le facciamo avere un confronto con Nissa?

Gran parte del problema di questo ‘Lost Souls’ è comunque essere tutto incentrato su Ray Palmer e il suo ritorno in scena, personaggio che non ho mai amato e il cui spin off non mi attira nemmeno un pochino. E Oliver così arrendevole davanti alla sindrome premestruale di Felicity non si affronta, stiamo a vedere che la Queen più cazzuta è ormai solo Thea.

curtis holt

Facciamo finalmente qualche passo avanti nella storia de Il ragionere, che è in possesso di un misterioso manufatto, che fa molto Loki di Avengers. Mi piace molto Curtis, forse perché mi ricorda Cisco di The Flash, e vorrei vederlo interagire di più con il resto della banda.

Inoltre: ce ne frega qualcosa di una probabile relazione tra Lance e la madre di Felicity? No.

Insomma questo Arrow ha bisogno che Arrow torni ad essere il centro della scena, la figura senza la quale gli altri sono persi. Non per voler per forza parlare di The Flash, ma lì per esempio abbiamo un forte gruppo di comprimari tra i quali spicca Harrison Wells, ma Barry rimane comunque l’eroe, e senza di lui per loro sarebbe impossibile andare avanti. Oliver deve esserlo per Star City, altrimenti non ha più senso.

E meno Ray Palmer per favore.

A questo episodio diamo un 6- solo perché Thea e Felicity portano avanti la baracca.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...