Star Wars: Il risveglio della forza, io penso che…

han solo

Il gran giorno alla fine è arrivato anche per me. Le ore precedenti la visione di Star Wars: il risveglio della forza sono state una vera agonia. La paura dello spoiler dietro l’angolo mi ha snervata, non ho aperto Twitter per paura di trovarci in tendenza qualcosa che mi rovinasse la visione, stile #jonsnowdies ( ah non lo sapevate?) o peggio stile Tgcom ‘Lost, finisce la serie, il dottor Jack muore per salvare l’isola‘ ( è successo veramente). Uniteci l’angoscia di assistere a qualcosa di inguardabile e chi soffre quanto me pensando ad episodio I,II e III può capirmi, ed ecco il mio stato d’animo.

Quando Disney annunciò l’acquisizione di Lucas Film non la presi bene e non per la Disney che per quel che riguarda l’industria cinematografica é una potenza inarrivabile ( chi sogna di lavorare nel mondo degli uffici stampa dovrebbe prendere ad esempio il loro, ed intendo anche a livello italiano), quanto per la paura che mettere una saga così piena di mitologia nelle mani di qualcuno che non l’ha vista nascere la snaturasse. La presenza in sceneggiatura di Lawrence Kasdan (L’impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi), mi hanno in parte tranquillizzata.

Qualche Giorno fa un mio amico mi ha detto:”è il classico Star Wars, sicuramente vedere qualcosa che ti sembrerà di aver già visto ti spiazzerà e ti farà pensare se ti va bene o no per ore“.

Prima della visione non ho volutamente fatto nulla: niente articoli tematici, niente sneak peek, niente interviste al cast e J.J., volevo entrare in quella sala come facevo da bambina, con la mente libera da qualsiasi condizionamento se non la folle curiosità.

Se dovessi descrivere questa pellicola con un aggettivo direi ‘rispettosa‘. J.J. Abrams ha studiato approfonditamente la materia, ne ha preso le caratteristiche fondamentali, che l’hanno resa così amata e l’ha maneggiata facendola sua.

star-wars-il-risveglio-della-forza-nuove-informazioni-su-alcuni-personaggi-spoiler-236949

Ve lo dico senza tanti giri di parole, a me è piaciuto, partendo dall’assunto che come episodio IV non ci sarà mai nulla, ma ci ho trovato freschezza, entusiasmo, quegli ingredienti che Lucas avrebbe dovuto utilizzare per episodio I.

Poteva essere un enorme fan service con Luke, Leila e Han vecchi rugosi e felici, attorno ad un tavolo a giocare a tresette con Chewbacca ed invece Abrams ammicca al passato introducendo il futuro. Intendiamoci, il film non poteva decollare con i nuovi personaggi se a far da traino non ci fossero state le vecchie glorie, serve a coinvolgerci emotivamente, a far da fil rouge con il passato.

kylo ren

È vero, il plot ricorda moltissimo ‘Una nuova speranza‘: c’è Luke Skywalker che é scomparso come il fu Obi Wan, c’è una giovane indomita in cerca del suo posto nel mondo, un giovane pilota che tanto ricorda Han Solo ed uno stormtrooper ribelle. Tra le file dei cattivi  a prendere il posto dell’odiato imperatore Palpatine c’è il comandante Snoke (Andy Serkis che ormai è tutt’uno con la performance capture), il cui adepto, Kylo Ren, ha adottato in pieno la missione di Darth Vader, indossa una maschera simile ed ha il suo stesso problema con la suscettibilità.  E poi ci sono loro, Han e Leila che con il loro ‘I love you’ ‘I know‘, sono nel mio cuore la prima ship nella storia delle ship ( se non sapete cosa sia una ship non siete abbastanza cciovani).

Da un punto di vista puramente tecnico vi dico che la fotografia é ottima, calda, gli effetti speciali sono di tutto rispetto, ma ovviamente la cosa più importante è la colonna sonora firmata da John Williams.

rey bb8

Le star della pellicola sono due: una é Daisy Ridley, se questo doveva essere il suo esame per capire se può effettivamente reggere il peso di una trilogia così importante la risposta è sì, buca lo schermo. L’altro, e devo dire non me lo aspettavo, é Harrison Ford,  che ci regala uno Han Solo in ottima forma, sì un po’ ammaccato dalla guerra, cheva a riempire quel piccolo vuoto lasciato da una figura come Obi Wan. Alla fine credo che Ford sia un po’ anche lui nerd per la saga e questo io l’ho visto sullo schermo.

In realtà ho davvero poche cose da rimproverare a questo capitolo, ma ho comunque diviso come mio solito la lista di cose che proprio no, da quelle che invece sì. Non ci sono spoiler, potete andare tranquilli.

Cosa non mi è piaciuto:

  • I fan della prima ora che si lamentano da veri tuttologi del menga. Io lo trovo un film tutto sommato al di sopra della mie aspettative, equilibrato e preparatorio per le pellicole a venire. Non c’è riuscito Lucas che l’ha creata, a proseguire la saga in maniera dignitosa, che ne volete sapere voi.
  • Il poco screentime dato a Luke, sì so che alla fine era giusto così, ma tutta sta atmosfera alla ‘che fine ha fatto Carmen Sandiego‘, insomma mi aspettavo di vederlo di più.
  • L’assenza della cantina band, non me ne faccio una ragione.
  • L’assenza di una figura simil Yoda.
  • Poco background dato al Primo Ordine, sì che lo abbiamo capito che è nato dalla ceneri dell’Impero, ma sto comandante Snoke col capoccione, come è uscito fuori?

Cosa mi è piaciuto:

  • Daisy Ridley ed Harrison Ford e ve l’ho già detto.
  • BB-8 che è il droide più tenero del mondo.
  • Il Millennium Falcon che mi ha fatto scendere la lacrimuccia.
  • Il giusto equilibrio tra nuovi e vecchi personaggi.
  • Il rispetto per i nomi originali al doppiaggio: Vader al posto di Fener, Leia invece di Leila, Han invece di Jan, un piacere per le orecchie.
  • Via gli orrendi palazzi del potere di episodio I, II e III, qui si torna ai pianeti, alle corse con il Millennium Falcon, ai combattimenti mozzafiato.
  • J.J. Abrams che mette al centro della storia una donna forte, Rey è ancora più cazzuta di Leia ai tempi d’oro e questo mi piace moltissimo.
  • Le spade laser, le musiche originali, i piani della Resistenza per smontare la StarKiller che è la sorella gigante della Morte nera.
  • Il parallelismo Luke/Obi Wan.

Il mio consiglio è di andare a vedere questo film senza aspettative, consci che peggio dell’ultima trilogia era quasi impossibile fare.

Il mio voto è un bel sette e mezzo, giusto perché sto ancora decidendo se quel colpo di scena finale ( che non vi svelo perché odio i recensori spoileratori), mi sta bene o no.

Grazie J.J. Hai preso l’altra mia saga del cuore e l’hai riportata a casa. Evidentemente, “Obi Wan ti ha insegnato bene” (cit.)

Annunci

Un pensiero su “Star Wars: Il risveglio della forza, io penso che…

  1. Dopo il combattimento fuori dalla taverna secondo me c’ è veramente un crollo ed è la sagra del riciclo! Prima invece mi stava proprio piacendo. Anche se effettivamente era tutto piuttosto quasi un corri corri a differenza dei precedenti film che avevano i loro momenti intimisti. Persino il dialogo tra Ian e Leila sembra un “Scusa, tagliamo corto perché dobbiamo far saltare il planetoide”! Sic! A proposito di questo, buttato veramente a casaccio e distrutto grazie ad uno sparuto gruppo di resistenti ed un ufficiale (sic!) cacasotto! Questo pezzo e quello della rivelazione che Finn prima era un pulicessi mi hanno fatto piuttosto cadere le braccia! Aha, i bei vecchi tempi del “Diverremo tutti magrissimi”. XD
    Tornando alla starkiller, nei precedenti film vi erano attacchi in massa, uso della forza e battaglie per disattivare gli scudi! Mah!
    L’ unica scena memorabile secondo me è quella degli x-wing a pelo d’ acqua!
    La spada stile Exalibur poi… mah! O.K. che OW e Luke potevano ricordare Merlino ed Artù, ma quì si esagera!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...