Steve Jobs, recensione del film con Michael Fassbender

Steve Jobs - film

Come ogni anno, sto pian piano vedendo tutti i film che in un modo o in un altro saranno protagonisti della cerimonia degli Oscar. Ho già avuto modo di vedere Revenant, e di recuperare The Martian ed Il ponte delle spie.

Steve Jobs di Danny Boyle non rientra con mio disappunto nei candidati a Miglior Film, ma i suoi protagonisti, Michael Fassbender e Kate Winslet concorrono rispettivamente come Miglior Attore protagonista e Miglior Attrice non protagonista.

Ammetto di aver fatto diversi paragoni mentali con Jobs, pellicola dedicata al fondatore di Apple con protagonista Ashton Kutcher, ma non è questo il luogo adatto per parlarne.

Continua a leggere…

Libri che dovreste leggere ‘Autobiografia Burlesca’ di Mark Twain

940921_917052821746366_483884076618856826_n

Succede poi che spesso gli hobby, le passioni che coltivi, ti portano ad incontrare persone nuove, che ti fanno scoprire cose nuove.

Così la mia passione per i libri e gli amici in comune mi hanno portato da Casa Sirio, una giovane casa editrice messa su da giovani appassionati di letteratura e di pop culture come me.

E grazie a loro ho fatto una nuova scoperta. Dovete sapere che in tutti questi anni ho cercato di essere una lettrice quasi onnivora, spaziando tra i generi. Da più piccola (finché non varcherò i 30 mi rifiuto di dire ‘da giovane’), complice alcuni professori liceali inadempienti ed i racconti di amici che frequentavano il liceo classico, mi ero fissata di volere recuperare quanti più classici possibili: Dostoevskij, Tolstoj, Dickens, Proust e via discorrendo. Confesso di non essere mai riuscita a finire l’Ulisse di Joyce, ma ragazzi, me lo hanno venduto con una guida alla lettura spessa quanto il romanzo originale, dovrà pur dire qualcosa no?

Continua a leggere…

La domenica dei ciccioni: Torta Mantovana e Romanzo Criminale

romanzo-criminale-cast

Nel secondo appuntamento di questo 2016 con La domenica dei ciccioni, vi sto sfoderando una delle mie serie del cuore.

Giusto qualche tempo fa cercavo inutilmente di convincere la mia amica Giorgia, che recuperare le due meravigliose stagioni di Romanzo Criminale, fosse cosa buona e giusta. Davanti alle sue obiezioni che per me non stanno in cielo ne in terra (“non mi coinvolge”, “mi piace solo quando mi citi tu qualche battuta”, “mi annoio”, “mi piace solo il Dandi”), mi sono fermata a riflettere su come sia possibile che una persona possa non essere affascinata da questa serie e non ho trovato un solo motivo (tranne forse il problema dialettale, ma la mia amica Giorgia è romana come me e ride quando minaccio di ‘parcheggiarla’), e anzi ho deciso di elencare anche a voi – sperando di smuovere lei – le ragioni che dovrebbero farvi recuperare a partire da questa domenica di Gennaio, questo capolavoro bonsai di Stefano Sollima.

Continua a leggere…

Vita da pendolare: i tipi da treno

Non che sia una notizia sensazionale o particolarmente scioccante, ma il lavoro fa di me una pendolare. Cosa che mi piace anche per certi versi, mi permette di leggere, dormicchiare se ho dormito poco o male, guardare le foto su Instagram, tutto questo quando non mi sto congelando rischiando di perdere il naso come Voldemort, causa permanenza al binario per ‘ritardo nella preparazione del treno‘ (non suona anche a voi come una meravigliosa supercazzola?).

Naturalmente le due ore abbondanti che trascorro ogni giorno da pendolare, mi permettono di osservare con molta attenzione la vasta umanità che frequenta abitualmente stazioni e vagoni. Questo mi ha portato a trarre la seguente conclusione: se di rado capita di incontrare persone piacevoli, molto più spesso ci si imbatte in quelli che io chiamo ‘i tipi da treno‘. Rumorosi, irrispettosi, a volte perfino comici. Li ho catalogati per voi.

Continua a leggere…

Revenant, recensione senza spoiler: DiCaprio meraviglioso, ma…

the-revenant

Stavo pensando che in questo periodo ogni anno molto probabilmente a DiCaprio fischiano le orecchie in maniera continua. Quando esce un suo film ormai non si parla più solo della pellicola in se, ma ‘glielo danno o non glielo danno l’Oscar?‘. Una questione spinosa diventata un vero tormentone e dire che ci sono attori già premiati in passato che vengono candidati ormai di default e non sempre vincono (citofonare Meryl Streep), attori bravissimi che non sono mai stati candidati (citofonare Jim Carrey) e attori che non proprio meritavano la statuetta ( scusa Gwyneth Paltrow, io ti adoro, ma Shakespeare in love non è il tuo miglior film). Insomma, ci piace perculare proprio Leo, forse per la sua aria perfettina?

Continua a leggere…

“Uno di loro era un Serpeverde e probabilmente l’uomo più coraggioso che io abbia mai conosciuto” – Ciao Severus

12493842_937679429641781_932987298792696784_o

Poi ci sono i post che non vorresti scrivere mai, quelli con i quali dici Ciao a qualcuno. Quando questo lo facevo per mestiere mi è capitato varie volte che mi venissero affidati ‘articoli – necrologio’, ed alcuni dei quali riguardanti personaggi che non suscitavano in me alcuna emozione. Quando è scomparso Robin Williams è stata – diciamo a Roma e dintorni  – una bella pezza, ma la notizia di oggi, per me, da Potterhead, lo è infinitamente di più.

Continua a leggere…

Dario Argento e i grandi maestri dell’horror italiano, la raccolta di dvd in edicola

IMG_9249Dovete sapere che io sono affetta (oltre alle altre varie patologie immaginarie che mi diagnostico tutti i giorni esattamente un’ora prima di andare al lavoro), da due curiose forme di masochismo. Una è quella che mi spinge a leggere con grande concentrazione tutte le ricette culinarie particolarmente grasse di Giallo Zafferano e Sonia Peronaci, proprio quando decido di mettermi a dieta, fantasticando su meravigliosi pasti liberi.

Continua a leggere…