Il Blocco dello scrittore secondo George Martin

george martin

Sono davvero molto felice che il mio secondo post con il dominio nuovo di zecca sia per parlarvi di Game of Thrones, perché con i suoi commentoni questa serie mi ha portato fortuna. (Non li avete mai letti? Embè che aspettate?).

Sono meno contenta di commentare con voi la ferale ed inaspettata   notizia che ci sta dando in queste ore George Martin.

Se qualcuno di voi aveva davvero creduto che nel giro di un mese avremmo letto The Winds of Winter, ovvero il nuovo  capitolo della saga letteraria, si sbagliava di grosso. In queste ore l’irascibile Martin sta annunciando che no, il manoscritto non sarà pronto per adesso, ma molto più probabilmente mai quasi a ridosso della release della sesta stagione tv, diciamo Aprile. A quanto pare tale exploit avrebbe lasciato perplessi anche i capoccia di HBO ed i suoi editori.

Ditemi voi adesso se è possibile ancora prendersela con gli sceneggiatori per le scelte operate sullo schermo, quando questo scellerato ha deciso di lasciare tutto a tarallucci e vino.

Pensare che io ho lessi tutta la saga per caso: avevo ormai visto le prime tre stagioni tv e le avevo amate, quando un giorno mi sono imbattuta in un tomone contenente all’interno i primi 4 volumi della collana. (In verità li aveva comprati il lettore della strada Simba, per poi decidere che no, erano troppo scomodi e pesanti in quel formato per andare al mare, io invece che me li incollavo sotto l’ombrellone ero più tosta). Finita ormai nel loop delle vicende di Westeros, ho chiesto in prestito qui e là il resto dei libri dicendomi dai, che poi se non ti sbrighi George Martin ne fa uscire un altro e poi ti spoilerano tutto. Tre anni dopo, manco una riga.

Analizziamo dunque le possibili motivazioni che spingono Martin a comportarsi da stronzo in maniera così criptica:

  • Come dicono su Seriangolo, è una strategia di marketing voluta da Martin per far sì che non ci sia disparità tra i lettori e i non lettori, arriveranno tutti ad Aprile non sapendo un bel niente come Jon Snow. (Mi pare un’ipotesi molto affascinante, ma poco probabile, considerato che sarebbe la prima volta che Martin si preoccupa del suo pubblico che aspetta da millenni il nuovo libro).
  • Martin è convinto di essere Umberto Eco che per la stesura de Il nome della rosa ha impiegato otto anni. (Con tutto il rispetto per una saga che amo e che leggo con piacere, non parliamo propriamente della stessa cosa e manco dello stesso stile di scrittura).
  • In realtà Martin non ha scritto nessuno di questi libri in prima persona. Ricordo di aver visto un film in tv dove un aspirante cantante senza talento, incappava per caso in un quaderno pieno di testi meravigliosi di un amico cantante appena morto, le spacciava per sue, ed inaspettatamente diventava famosissimo, finendo nei guai quando poi i produttori iniziano a chiedergli di  comporre nuove canzoni. Potrebbe essersi verificata più o meno la stessa situazione.
  • Martin ha il blocco dello scrittore. Ipotesi forse tra le più probabili, insomma, non sono tutti J.K. Rowling. E’ possibile che abbia in testa più o meno un’idea generale di come mandare avanti la saga, ma che non riesca a svilupparla. Come dice il mio amico Riccardo, e vabbè, pagasse cinque ghostwriters e se li facesse finire da loro. Non importerebbe nulla a nessuno aggiungo io, il mondo sopravvive al dibattito se Harper Lee abbia davvero scritto il sequel di Il buio oltre la siepe, penso potremmo reggere questa botta.
  • In realtà abbiamo tutti indovinato chi è Jon Snow veramente e Martin ha rosicato perché non sa più che cazzo inventarsi adesso per stupirci con effetti speciali.

Mi piacerebbe molto – qualora ne aveste anche voi – commentare insieme altre ragioni che spingono Martin ad attirarsi il malocchio da mezzo mondo.

George, non è per metterti pressione, ma nel tempo che ce stai a mette te a scrive sti libri, J.K. Rowling avrebbe pubblicato l’intera saga, uno spin off, libri tematici, supervisionato l’adattamento per lo schermo, organizzato uno spettacolo teatrale e fatto i miliardi. Ah no scusa, tutto questo lo ha fatto davvero.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...