Un mese di libri: cosa ho letto a Gennaio!

Vi capita mai di incontrare sui mezzi pubblici, in fila alla posta, dal dottore, persone intente ad ingannare l’attesa con un libro in mano e di avere l’improvvisa curiosità di sapere cosa stanno leggendo? A me sì, spessissimo, una volta addirittura volevo disturbare una signora intenta ad iniziare il primo volume della saga de Il trono di spade, dicendole: “Non lo faccia si fidi di me, George Martin non li finirà mai! Soffrirà inutilmente!”.

Complici i miei ritmi quotidiani, il fatto che vado a lavorare prendendo il treno tutti i giorni e anche evidentemente dei testi azzeccati per me, leggo molto. Chi mi conosce lo sa e forse anche chi passa di qui ogni tanto e infatti Babbo Natale mi ha portato una bellissima tessera con cui acquistare libri nuovi, una gioia per me che ho una lista di cose da leggere – alcune già in mio possesso, altre no – tra le note del cellulare e che non riesco mai a smaltire perché mi appunto continuamente titoli che vorrei leggere, che mi hanno consigliato, regalato, o di cui ho letto qualche bella recensione. E si, a volte quando piove o fa tanto freddo, fantastico su quanto sarebbe bello chiamare in ufficio per dire ‘Ciao, oggi rimango a casa a leggere e mangiare Canestrelli’.

Era da tempo quindi che volevo condividere questa cosa qui sul blog perché io vado sempre alla ricerca di articoli che consigliano romanzi, il mio Pinterest ne è pieno, e chissà che anche voi non ci troviate qualcosa di interessante.

IMG_9037

Catherine Dunne – La metà di niente

La mia storia con questo romanzo è molto curiosa, diciamo che è come se mi avesse seguita negli anni dicendo ‘Leggimi!’ ‘Leggimi!’. Lo comprò tantissimi anni fa mia Zia e per quanto mi fidassi ciecamente dei suoi gusti letterari, non so, il titolo, la breve sinossi e la copertina mi fecero esclamare ‘Mah, a me sembra una roba da vecchie, tipo una versione più decente di Harmony’ (Sapete il detto, ‘Mai giudicare un libro dalla copertina’ ? Ecco, appunto).Il fatto che a citarlo fosse poi Veronica Lario in una clamorosa lettera a Repubblica in cui rimbeccava Berlusconi per essere così… stronzo, mi fece storcere ancora di più il naso. Anni dopo me lo consigliò una collega che lo stava iniziando proprio quando io ero appena diventata sua vicina di scrivania. Alla fine sono capitolata in un momento di crisi con il mio Kindle ‘ti odio poi ti amo poi ti odio poi ti amo’ e avendo bisogno di cartaceo ed economico me lo sono trovato davanti in libreria per pochi sporchi euri. Dopo questa storiella divertente immagino vogliate sapere cosa ne ho pensato. E’ un libro toccante, semplice e parla dritto al cuore di chi legge. La storia di Rose, una casalinga di mezza età con tre figli, che in una mattina normalissima viene lasciata dal marito Ben, mi ha colpita. Ho empatizzato con lei pur non avendo mai vissuto quel tipo di abbandono e di dolore, ma il modo in cui la Dunne te la racconta, senza avvenimenti eclatanti o sconvolgenti, me l’hanno subito resa vicina. Tutto quello che viene narrato è di una sconvolgente normalità semplicità, come Rose, una donna che rimette insieme i cocci e va avanti non con i superpoteri, ma con fortissima determinazione e saggezza. Infatti mi sono immediatamente procurata il sequel ‘L’Amore o quasi’, ambientato otto anni dopo le vicende di La metà di niente, e non vedo l’ora di iniziarlo.

JoJo Moyes – Io prima di te

In questo libro invece mi sono proprio imbattuta, perché come mia madre non so resistere alle clamorose offerte online, così mentre facevo un ordine su Libraccio (che è favoloso e ti manda le scatole con i Minions disegnati) me lo sono ritrovato tra le proposte ‘se acquisti anche questo, per te un eccezionale sconto ecc. ecc.’. Naturalmente ne avevo già sentito parlare,( altrimenti seguendo questa logica da ipnotizzato delle televendite avrei comprato già l’intera saga di 50 sfumature di grigio) ed ero più che altro incuriosita dal fatto che è stato girato un film ispirato al romanzo (con la Khaleesi nel cast!). Ne sono rimasta sorpresa perché tutto mi faceva pensare si trattasse di qualcosa di chick – lit e purtroppo non tutta la chick – lit è cosa buona e giusta. Io prima di te parla di amore? Si. C’è una protagonista buffa e giovane? Si. E un protagonista tenebroso? Pure. E si narra l’incontro tra Louisa giovane con tanta voglia di vivere ma che si è sempre accontentata del lavoretto di cameriera che serve a sostentare i genitori e la sorella, e Will, giovane manager arrabbiato con la vita che lo ha costretto su una sedia a rotelle. Lei dovrà essere per lui una sorta di dama di compagnia, sebbene l’uomo non voglia assolutamente saperne e cerchi di ostacolarla in ogni modo. ;ma Louisa con la sua inesperienza, ma con il suo buon cuore, riuscirà ad imporsi come deve. Poi la storia ti spiazza perché parla di disabilità, dell’imparare a mettersi alla prova, a fissarsi degli obiettivi ed in maniera delicata, di un tema come l’eutanasia. L’ho letto in due giorni e ho pianto come una fontana per tutto il tempo. Ora sono curiosa di vedere il film per scoprire se – come capita spesso – hanno fatto una ciofeca (Chi ha detto Bridget Jones?).

Audrey Niffenegger – Un’inquietante simmetria

Della Niffenegger avevo già letto ‘La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo’, che purtroppo però non mi aveva particolarmente entusiasmata. La mia amica Giulia (che ha una mamma che la ricopre di libri belli), mi aveva parlato con toni entusiastici di questo Un’inquietante simmetria e devo dire che aveva ragione. La storia è quella delle gemelle Julia e Valentina, legate da un affetto simbiotico e quasi morboso, che ricevono in eredità la villa della zia Elspeth, morta da poco, che però loro non avevano mai incontrato. La villa, si trova a Londra adiacente ad un cimitero. Qui le ragazze conosceranno gli altri abitanti del palazzo, tra i quali l’amante della zia. Quello che non sanno è che anche il fantasma di Elspeth abita la villa, e non sembra intenzionata ad andarsene. Potrebbe sembrare una semplice storia di fantasmi, ma in realtà ci sono tutti gli ingredienti per un bel librone gotico: c’è il fantasma, Londra, il cimitero e personaggi strambi alcuni anche inquietanti. Insomma una cosa stile Henry James (del quale al liceo lessi Il giro di vite una folgorazione). La storia non si limita a questo ma indaga innanzitutto sull’amore, primo fra tutti quello morboso e soffocante tra le due gemelle. Se tutti questi ingredienti vi sembrano interessanti io gli darei un’occhiata fossi in voi.

FullSizeRender

Elena Ferrante – L’Amica Geniale

Questo romanzo invece desideravo leggerlo da qualche tempo, consigliato da Valeria di Gynepraio che ne ha fatto anche un bel fantacasting per il cinema. Così appena sono entrata in possesso della mia tessera per i libri l’ho subito acquistato. L’ho praticamente ‘aspirato’, letto in pochi giorni e ora non vedo l’ora di leggere l’intera quadrilogia (che però ancora non posseggo, perché crea dipendenza e potrei seriamente decidere di prendere le ferie per stare a casa a leggere). Molto affascinante la storia di queste due amiche, dall’infanzia fino all’età adulta, Elena Greco (voce narrante) e Lila Cerullo. Tutto suggerirebbe che l’amica geniale sia proprio Lila,ribelle, indomita, famelica di vita, ma non ne sono così sicura. Vi farò sapere. La storia di questa amicizia poi ci introduce un corollario di personaggi ben caratterizzati e ci racconta soprattutto la vita della Napoli degli anni Cinquanta. Per ora la mia amica preferita è Elena, forse per la sua incapacità di tirare fuori la sofferenza che a volte gli altri le causano. Questo è probabilmente il romanzo che più ho apprezzato in questo mese. Ah poi se avete voglia mi segnalano anche una divertente indagine di Carlo Lucarelli sull’autrice: Elena Ferrante è uno pseudonimo, non si è mai svelata al grande pubblico ed in molti addirittura pensano sia un uomo (Seriamente? Ma lo avete letto il libro?).

Filmology:

Questa non è propriamente una lettura, ma un meraviglioso passatempo regalatomi per Natale. Trattasi di una serie di rebus fatti con disegnini, dietro i quali si nascondono titoli di film. Un vero rompicapo che sto provando a risolvere principalmente la sera.

Mark Twain – Autobiografia burlesca

Vi avevo già parlato qui di questo libricino regalatomi dagli amichetti di Casa Sirio Editore, un piccolo gioiellino da leggere in un paio di viaggi in treno, ironico e divertente.

Infine per tenermi sempre attiva con la lingua inglese, visto che spesso mi viene impedito di guardare serie tv in originale, ho deciso di leggere qualcosa in lingua, partendo da libri che conosco già, per una questione di familiarità, per poi in futuro provare con qualcosa di nuovo. E da cosa potevo iniziare se non con Harry Potter e la pietra filosofale?

Sarebbe naturalmente meraviglioso se anche voi commentaste raccontandomi cosa leggete, o cosa avete in programma di leggere, la mia natura curiosa vi accoglierà a braccia aperte tra i commenti.

 

Annunci

9 pensieri su “Un mese di libri: cosa ho letto a Gennaio!

  1. Non ho letto nessuno di questi libri ma l’Amica geniale mi incuriosisce, non sei la prima che ne parla con entusiasmo! Io lo aggiungo alla mia lista “libri da leggere” ma chissà quando avrò occasione di sfoltirla: come te, accumulo titoli e titoli e la lista aumenta senza sosta 😀

    Mi piace

    • Infatti da quando ho scritto questo post, ho trovato almeno altri quattro titoli da aggiungere! Si l’amica geniale lo consiglio, é scorrevole, ben scritto e ha tanti personaggi ben interessanti e non stereotipati!

      Mi piace

  2. ho seri problemi con la mia sindrome da lettrice compulsiva. Sul treno leggo ebook (tanto comodi per chi viaggia) ho appena finito di leggere Il seme del Male di Joanne Harris e ho iniziato Il Lago della Yoshimoto, mentre a casa sul comodino ho il delizioso cartaceo da sniffare 😛 . Adesso sto iniziando il Risveglio della Dea di Vicki Noble consigliato da una amica terapeuta….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...