Game of Thrones, commento all’episodio 6×07 ‘The Broken Man’

Chiameremo questo The Broken Man l’episodio dei ritorni e no, non parlo di Jorah Il Rieccolo che torna a stalkerare l’Ignifuga. Alcuni personaggi tornano sulla scena, altri vengono rievocati e ne conosciamo alcuni davvero meritevoli di più screentime.

got spoiler

I Broken Men di questo episodio sono molti, Jaime che guida un esercito senza la mano e non è dunque più il guerriero di una volta, Brynden Tully che difende con i denti quello che rimane delle sue terre, o per l’appunto, Sandor Clegane, Il Mastino, che torna a sorpresa all’inizio dell’episodio.

got

Che il personaggio interpretato da Ian McShane avrebbe reintrodotto Il Mastino nella storia, lo avevo immaginato da quando lessi l’intervista a questo attore in cui diceva che il suo ruolo sarebbe servito a riportare un personaggio da tempo creduto morto. Per quanto abbia apprezzato i bei tempi in cui lui e Arya se ne andavano in giro ad ammazzare contadini, il ritorno di Sandor Clegane mi fa sorridere, ma non mi fa gridare di gioia, perché aspettavo un altro ritorno, ben più inaspettato per chi non ha mai letto una riga di Song of Ice and Fire. Soprattutto, non vedo il motivo di reintrodurre un personaggio che aveva avuto una sua conclusione, e mettere altra carne al fuoco quando qui si dovrebbero tirare parecchi remi in barca. Tutto questo pippone col Mastino che taglia la legna mentre questo prete ex assassino cerca di strappargli il sorriso, poi cena insieme ai suoi nuovi amici cantando Osanna Osanna e infine trova il suo mentore morto, ucciso dalla Fratellanza senza Vessilli, serve a ridare umanità a questo personaggio per poi lanciarlo di nuovo nella mischia dei Sette Regni. Ma era davvero necessario spendere tutto questo screentime per spiegarcelo? Comunque,  c’è chi teorizza che possa essere proprio Sandor a sfidare La Montagna reloaded nel trial by combat di Cersei...

 

Ad Approdo del Re le cose vanno a scatafascio, ottimamente direi e all’episodio numero 7 posso dire con serenità che è sicuramente la storyline meno riuscita fino ad ora. è tutto sbagliato e non si tratta nemmeno di seguire quanto scritto nei libri, quanto continuare a riempire con monologhi religiosi dell’Alto Passero senza davvero andare avanti. La sicurezza di Cersei nell’aspettare il suo processo perché tanto lei ha il guerriero dopato, non sta facendo bene al resto del regno, governato da un adolescente che passa il suo tempo a confidare all’Alto Passero che la moglie convertita ha optato per l’astinenza e non gli da nemmeno il bacetto della buonanotte. Margy è pure sempre la nipote di Olenna, non ci stupisce pertanto che la sua trasformazione in Claudia Koll fosse però tutto un  piano per farsi liberare, e la giovane Regina fa appena in tempo a comunicare a Lady Cocca che è meglio che faccia i bagagli. Come intendono liberare Loras non è ancora chiaro e io ero per lo sterminio dei passerotti. Alla fine della fiera io credo a rimetterci sarà il tenero Winnie The Tommen, come da profezia.

13321869_612718252226126_6617341978196214480_n

Un altro grande ritorno è quello del Pesce Nero, Brynden Tully. E quanto serviva un personaggio così granitico, così convincente che non riesco nemmeno a trovargli un soprannome.  Gli uomini dei Frey assediano Delta delle Acque? Sopracciglio alzato. Lo minacciano di uccidergli l’inutile nipote? Sopracciglio alzato. Jaime Lannister chiede di vederlo per trattare? Presa per il culo e sopracciglio alzato. Date uno spin-off a lui e Bronn vi prego. Bronn, grande assente nei primi sei episodi di stagione, è in ottima forma, soprattutto è sempre più la voce di tutti noi spettatori.Vogliamo parlare di quanto fa bene a Jaime stare lontano da Cersei? Per un attimo rivediamo lo spirito del vecchio Kingslayer, giusto il tempo affinché Brynden lo prenda a schiaffi verbali. L’incoerenza del personaggio di Jaime, o meglio degli autori che ne stanno cambiando la personalità rispetto al libro, si palesa quando il Pesce Nero chiede dove siano Arya e Sansa, che Jaime aveva giurato di riportare a casa, e certo assediare la loro famiglia non è il giusto modo per onorarla. E sono certa sarà quello che gli dirà Briennona, anche lei diretta a Delta delle Acque. Dateci più Pesci Neri e meno Passerotti.

Se nella scorsa puntata la Ignifuga si chiedeva dove avrebbe mai potuto trovare alcune navi per portare i suoi millemila guerrieri oltre il mare, ebbene pare proprio che Theon e la Sorellauomo stiano per arrivare da lei. In quale monte di episodi non ci è dato sapere.  Se Daenerys sarà abbastanza intelligente da accettare il suo aiuto, io spero quantomeno ce la mostrino su una nave nell’episodio 6×10. Conforto emotivo secondo Yara Greyjoy: ‘riacchiappati o levati dal cazzo‘. E Theon annuisce incerto su se sia meglio suicidarsi o sopportare la sorellauomo insieme alla Ignifuga dai mille titoli.

CkRSAq1UUAA6l6b

Altra parte interessante dell’episodio è quella relativa alla ricerca di aiuto dalle casate del Nord  da parte di Jon e Sansa. Thormund gli assicura la presenza dei Bruti, anche perché o si battono, o Ramsay e i White Walkers. Se casa Glover gli sbatte letteralmente la porta in faccia sostanzialmente spiegando che Robb Stark è stato un ingenuo, a vincere il premio partita è la piccola Lyanna Mormont (si, parente de Il rieccolo e del povero Nonno Mormont bonanima). L’Imperatrice Bambina (praticamente Olly il figlio della merda con la parrucca) li imbruttisce, prende per il culo Sansa e li incalza ed è Davos ad convincerla a mettere a disposizione ben…62 uomini. Anche perché gli altri sono morti combattendo al fianco di Robb durante la guerra dei cinque re. Mi delude il poco vigore di Jon, che io amo e comprendo sia ancora scombussolato dalla resurrezione, ma vorrei vederlo più combattivo. Allo stesso modo a volte vorrei schiaffeggiare Sansa che per carità, si è finalmente svegliata, ma da piangere tutto il giorno facendo punto croce a diventare stratega militare, zucchero datti una calmata. E infatti la vediamo scrivere una lettera presumibilmente per chiedere a PedoBaelish gli Uomini della Valle, incurante che si tratti di un infido complottatore, viscido e senza scrupoli. Ma regà, ha finalmente recuperato un carattere, non possiamo pretendere che diventi intelligente tutto insieme.

arya

Per la prima volta da quando è iniziata la storyline di Bravoos sono curiosa di vedere cosa farà Arya. E la scena in cui esce dall’acqua ferita e si guarda attorno perché potenzialmente tutti potrebbero essere suoi nemici, mi ha fatto temere per la sua sorte. Vai Arya, smolecola quella stronzetta e dai pure un paio di pizze a Jaqen ( o alla stessa persona, non ci si capisce molto con tutti questi dialoghi in terza persona), e poi riparti per Westeros a spuntare la tua lista iniziando da quel vecchio bavoso di Gazza.

In generale vorrei più turbo a tante di queste storie, e pur avendo capito che la serie sta prendendo tante direzioni diverse rispetto ai libri, mi piacerebbe molto vedere sullo schermo alcune delle cose che ho letto, soprattutto una che riguarda Brienne.

E comunque se avete riportato indietro Il Mastino io rivoglio anche Syrio Forel.

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Game of Thrones, commento all’episodio 6×07 ‘The Broken Man’

  1. Vedo che anche tu cominci a soffrire di astenia, dopo 7 episodi (SETTE) nei quali sono accaduti tre fatti (forse 4), mentre i 324.655 personaggi principali e i 944.567 personaggi secondari non si sono avvicinati di un metro ad Approdo del Re.

    Faccio umilmente notare agli sceneggiatori che mancano 13 ore di programmazione, contando anche la prossima stagione che dovrebbe essere l’ultima. Mi auguro che il primo episodio della settima stagiona avrà un titolo esplicito del tipo:”Regà, damose ‘na mossa”. Al limite mi accontenterei anche di un più vagamente allusivo:”Si è fatta una certa…”

    Io sono basito, a saperlo prima iniziavo direttamente a guardare questa stagione dall’episodio 8. A proposito, i titoli spoilerano abbastanza quello che dobbiamo aspettarci e quando. Non aggiungo altro.

    A rigor di logica ci siamo giocati la Stark-racchia. Come minimo, tre pungicate nella panza ti fanno morire dissanguato anche ai giorni nostri, figuriamoci nel Medioevo. Ma anche io ho il sentore che se la caverà. Una nota di biasimo per l’allieva prediletta e secchiona di Jaqen, che come killer fa veramente pena.

    Cerca “Cleganebowl” su Google/immagini, hanno fatto dei poster veramente divertenti.

    Ho passato la serata a chiedermi chi mi ricorda Lyanna. Ti ringrazio per avermi liberato di questo fardello.

    Il detto del giorno è:
    “Il Nord non dimentica di farsi i cazzi suoi.”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...