Eppure cadiamo felici – la recensione del romanzo di Enrico Galiano

Sarà anche un esordiente dell’editoria Enrico Galiano, di sicuro non è un novellino per quel che riguarda la bella scrittura.

Galiano è innanzitutto un professore, di quelli – pochi basandomi su mia personale esperienza – che ancora amano il loro mestiere e lo vedono come la possibilità di migliorare attraverso l’insegnamento la vita di tanti ragazzi. Ho avuto modo di leggere tanti dei suoi articoli sul web e post sulla sua pagina Facebook: ironia, amore per i giovani, curiosità, voglia di comunicare è tutto quello che mi ha trasmesso.

Insomma, immagino gli sanguineranno le orecchie a furia di sentirselo dire, ma il paragone più immediato è quello con il mitologico Professor Keating di L’attimo fuggente.

Tuttavia io sono qui per parlarvi appunto della sua prima fatica letteraria, tutta targata Garzanti e tutta incentrata – sarebbe stato strano il contrario – su due giovanissimi.

Gioia Spada, soprannominata per il suo essere usando un termine moderno, una outsider, è soprannominata ‘MaiunaGioia‘: si isola volutamente da un mondo che non comprende e del quale tutto sommato non le interessa far parte, non socializza, non segue mode, si scrive sul braccio parole incomprensibili in lingue intraducibili.

A casa nemmeno a dirlo, ha una situazione che definire catastrofica sarebbe volerla edulcorare. Tutto cambia dopo l’incontro con Lo, un ragazzo misterioso che incontra durante una fuga notturna da casa. Tra i due l’amore scoppia intenso e spontaneo, come è normale che sia alla loro età, finché Lo, misteriosamente scompare…

Sono sincera, quando ho preso per la prima volta in mano questo libro, un po’ ho avuto paura: non è mai facile descrivere gli adolescenti, poche volte cinema, tv e letteratura ci sono riusciti senza cadere in facili clichè.

Galiano schiva questo rischio con grande maestria, utilizza quello che sa dei giovani senza scimmiottare un linguaggio forzato da pagina Facebook: il romanzo è fresco, scorrevole, intrigante. Sono sempre 400 pagine eh, ed io le ho finite in pochi giorni.

Un bel caso editoriale Eppure cadiamo felici, che parte in sordina introducendo una storia che pensi sia come tante e invece ti sorprende con forza e sensibilità.

Mi ha emozionata ad ogni pagina, mi ha tenuta col filo sospeso, soprattutto ha allietato i miei lunghi viaggi in treno, insomma non mi capita spesso, ma quando continuo a pensare ad un romanzo giorni dopo averlo terminato è il segno che mi è piaciuto, proprio per questo quando ne termino uno lo lascio sedimentare prima di farmi un giudizio e scriverci una recensione.

Eppure cadiamo felici è reperibile su Amazon ed in libreria e vi consiglio caldamente di correre ad acquistarlo, come vi consiglio anche di seguire Enrico Galiano sulla sua pagina Facebook, perché qualcosa da imparare lo abbiamo sempre, anche se non siamo più in età da scuola.

(Foto da pagina Facebook Enrico Galiano – scrittore)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...