30 anni, affrontarli con il decluttering

decluttering clothes

Tra qualche settimana, affronterò finalmente il primo importante giro di boa, quello del compimento dei trenta anni. No, non sono stata colta da un’improvvisa crisi di mezza età, di bilanci sulla mia passata gioventù e tutta una sequela di cose tristi: si, lo ammetto, un paio di giorni fa sono uscita dal bagno dell’ufficio gridando ‘ho le rughe sotto gli occhi‘, ma è stata una cosa passeggera. No, non sto vivendo questa fase accompagnata da paure tipo ‘la menopausa è alle porte’, ‘la forza di gravità si accanirà inesorabile sul mio corpo‘, perché sinceramente sono molto più in pace con me stessa ora di quanto non lo fossi a quindici anni, la cellulite l’avevo anche all’epoca e sebbene non sia magra o un esempio per le fanatiche di Kayla Itsines, credo di aver finalmente imparato cosa va bene per me e cosa no.

Continua a leggere…

Annunci

Vita da pendolare: i tipi da treno

Non che sia una notizia sensazionale o particolarmente scioccante, ma il lavoro fa di me una pendolare. Cosa che mi piace anche per certi versi, mi permette di leggere, dormicchiare se ho dormito poco o male, guardare le foto su Instagram, tutto questo quando non mi sto congelando rischiando di perdere il naso come Voldemort, causa permanenza al binario per ‘ritardo nella preparazione del treno‘ (non suona anche a voi come una meravigliosa supercazzola?).

Naturalmente le due ore abbondanti che trascorro ogni giorno da pendolare, mi permettono di osservare con molta attenzione la vasta umanità che frequenta abitualmente stazioni e vagoni. Questo mi ha portato a trarre la seguente conclusione: se di rado capita di incontrare persone piacevoli, molto più spesso ci si imbatte in quelli che io chiamo ‘i tipi da treno‘. Rumorosi, irrispettosi, a volte perfino comici. Li ho catalogati per voi.

Continua a leggere…

Analisi del 2015

E insomma, WordPress ha preparato per me questo report del mio anno da blogger. Pare vi siano piaciuti tanto i commenti a Game of Thrones, che a me mancano tanto, e anche La domenica dei ciccioni.

Per questo nuovo anno spero di essere più presente. Mi sono resa conto che no, non riesco a mantenere sempre le mie rubriche fisse, soprattutto per quel che riguarda le serie tv. L’unica – forse perché la amo particolarmente – è Game of Thrones.

Mi auguro di vedere tanti film belli, di leggere tanto e di scoprire sempre nuovi blog che mi piacciono come ho fatto negli ultimi mesi.

Se vi interessa, questo è il report:

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 1.900 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 32 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Star Wars: i peggiori gadget ispirati alla saga

Come ben sapete tutti, a meno che non abbiate vissuto nell’ultimo mese in una grotta, oggi dopo tanta trepidante attesa, arriva in sala Star Wars: il risveglio della Forza.

Come sarà questo sequel della vecchia prima trilogia (episodio IV, V e VI per capirci) ce lo stiamo chiedendo tutti. Io ho deciso di prenderla con filosofia: se non mi piacerà potrò tranquillamente accantonarlo dalla mia memoria fingendo non sia mai stato girato, insieme ad episodio I, II e III. Dall’altra parte J.J. Abrams non è che sia esattamente un cretino e mi pare che su Star Trek, altra saga molto amata, avesse fatto un buon lavoro. E poi diciamocelo, siamo tutti curiosi di rivedere Luke, Han e Leila dopo tanti anni.
Ho sperato fino all’ultimo che mi piovesse dal cielo un invito per l’anteprima stampa romana, e invece niente, e per quanto attenda con ansia di vedere la pellicola, non lo farò stasera perché sì, ho paura degli spoiler come sempre, ma ho più paura di non godermi il film costretta ad uno spettacolo mezzo notturno dopo una giornata di lavoro.

Per celebrare questa giornata importantissima per noi nerd della galassia lontana lontana, ho comunque preparato per voi questo post concentrandomi su un fatto: quanto la Star Wars mania sia effettivamente sfuggita di mano all’Internet. Se è vero che in giro ho visto tanti gadget simpatici ispirati alla saga, è altrettanto vero che ce ne sono molti di più veramente improponibili. E visto che questo blog si propone come contenitore sì di serie tv e film, ma anche di amenità varie, potevo io farmi sfuggire questa occasione? Ringrazio dunque tantissimo per la pronta consulenza in merito Gabriele e Riccardo, probabilmente i più grande conoscitori di Star Wars insieme a quel maledetto di George Lucas.

Vediamo:

Direttamente dalla pagina Facebook Star Wars Style abbiamo delle belle fioriere.

12003302_698679270265920_6386630430374595451_n

Da GQ invece un simpatico lecca-lecca di Jar Jar Binks

jar jar binks

Ed ecco invece il costume Bantha per il vostro cane (poi ecco, se dovesse azzannarvi nel sonno io non mi lamenterei eh)

Dog-Costume bantha

Sobrissimo zainetto Chewbacca, usatelo per andare in ufficio per sperimentare nuovi livelli di emarginazione sociale

zainetto chewabacca

Cambio per automobile a forma di Stormtrooper, solo se siete aspiranti tronisti di Maria de Filippi

10616403_838497272848670_4662952545704004978_n

Solo per veri intenditori anche uno Han Solo porta Usb

10252010_774704612561270_3217852268988279666_n

Acquario R2D2, questo è un regalo perfetto per una persona che vi sta un po’ sulle palle

aquario r2d2

Tenda doccia Han Solo nella carbonite, non so voi, io lo trovo inquietante

han solo carbonite

Per non parlare di questo

star-wars-gadget

Inoltre, solo per anziani nerd:

an-imperial-walker

Dedichiamo un pensiero anche ai più attenti alla moda

scarpe star wars

Ed infine signori, il pezzo da novanta, qualcosa che pensavo non avrei visto mai #einvece. Per nerd passionali….

il_570xN.445203278_k7ka

Naturalmente questo è solo un estratto di quello che potreste trovare in giro. Vi assicuro però che volendo trovate anche oggetti molto belli, come le nuove Moleskine o meravigliose teglie da forno ( io ne ho una con la maschera di Darth Vader e me ne vanto sinceramente). Ovviamente se voleste commentare con ulteriori chicche al riguardo siete ben accetti.

E quindi…..che la Forza sia con voi.

 

 

 

La domenica dei ciccioni: gnocchi di patate e Mrs Doubtfire

Una settimana fa ho postato una foto di un piatto di gnocchi prima e dopo la cottura, dicendo che ve ne avrei parlato in occasione di questa rubrica ‘la domenica dei ciccioni‘. Quante rubriche direte, ma io credo che il blog abbia bisogno di continuità per dare stimoli a me e tenere sempre alta l’attenzione di chi passa a leggere. Questa ultima pensata nello specifico avrà cadenza bisettimanale (sempre tenendo presente il riscontro di lettori).

Continua a leggere…

Mika, my spirit animal

mika-palalottomatica

Attenzione: questo è un post ad alto tasso di fangirling. Ieri sera ho chiuso il mio ciclo di regali di compleanno con l’Heaven Tour, tappa romana del concerto di Michael Holbrook Penniman Jr per gli amici Mika. Una serata di canzoni pop cantate a squarciagola ed una prova di resistenza per il mio accompagnatore, il lettore col nome di fantasia Simba, che ha stoicamente bevuto birra, cantato e fatto video col cellulare per due ore.

Continua a leggere…

Quello che penso di ‘Dimentica il mio nome’ di Zerocalcare

Certo mi rendo conto che il libro in questione è uscito da anni, ma vi ho forse detto che questo è un bookblog con recensioni che spaccano il minuto?

Che mi piace moltissimo leggere lo sapete già se non è la prima volta che aprite un mio post, e vi ho già parlato della mia fittissima lista di libri. Sicuramente se la ricorda molto bene il lettore col nome di fantasia Simba, reo di averla erroneamente cancellata dal mio telefono e che per questo si è beccato un meraviglioso sproloquio da gattara pazza.

Dimentica il mio nome‘ era nella mia lista da parecchio. Non sono una groupie della prima ora di Zerocalcare, mi diverte moltissimo e quando capìta leggo il suo blog, così quando una mia amica ne ha parlato su Facebook (a proposito lei è una bravissima mamma blogger e freelance e qui potete leggerla), mi sono convinta ad iniziarlo una volta archiviato ‘Il seggio vacante‘ di J.K. Rowling. Complice qualche viaggio in treno in piena solitudine l’ho finito in due giorni, durante i quali ridevo e piangevo contemporaneamente, col risultato che alcuni passeggeri del regionale per Pisa ora pensano che io soffra di forte bipolarismo (non che sbaglino completamente eh).

Continua a leggere…