Star Wars: il risveglio della forza, i momenti migliori e quelli peggiori del film (attenzione spoiler)

kylo ren

WARNING: SE NELLA RECENSIONE DEDICATA AL FILM HO VOLUTAMENTE EVITATO QUALSIASI INFORMAZIONE TROPPO DETTAGLIATA DELLA TRAMA, QUESTO POST CONTIENE INVECE NUMEROSI SPOILER DI STAR WARS: IL RISVEGLIO DELLA FORZA, COMPRESI VARI COLPI DI SCENA ED IL FINALE. PERTANTO SE ANCORA NON AVETE VISTO LA PELLICOLA, NON PROSEGUITE NELLA LETTURA.

LETTORE AVVISATO, MEZZO SALVATO.

Vedere dopo tanti anni – e dopo tanta attesa – un film così iconico, sta scatenando ovviamente dibattiti di ogni sorta, da chi sta ferocemente criticando la trama, il nuovo cattivo (sul nuovo cattivo, ve lo posso anche concedere, ma in generale se po sapè che volete? Ve meritate i Vanzina eh), a chi inveisce contro gli spoileratori seriali. A quanto pare c’è chi a poche ora dall’uscita in sala, si è divertito a scrivere il finale sulle pagine tematiche su Facebook e su Twitter. Sto ancora decidendo quale disturbo psichiatrico attribuire a queste persone e vorrei anche dirgli che se poi qualcuno dovesse picchiarli non è colpa di nessuno, è La Forza che lo ha voluto.

Io naturalmente sto ancora rimuginando su quello che ho visto, così ho messo nero su bianco quelli che sono stati per me i momenti più ricchi di pathos, ma anche quelli che proprio no J.J. che t’è venuto in mente.

DA QUI IN AVANTI OCCHIO AGLI SPOILER, CHIUDETE TUTTO SE NON AVETE VISTO IL FILM, PERCHE’ COME CI RICORDA MELISANDRE:

 

I momenti da magone e lacrimuccia:

  • I titoli di testa, sfondo nero, colonna sonora di Williams e riassunto previously on la galassia lontana lontana. Per me che la vecchia trilogia l’ ho vista da piccola in tv, è stata una grande emozione.
  • Il Millennium Falcon e l’arrivo di Han e Chewbacca: quando ho sentito ‘vecchia ferraglia’, il mio cuore ha perso un battito ed ero ormai super commossa quando sapevo che Han sarebbe arrivato. Ed Harrison Ford me lo ha portato in scena esattamente come volevo, ammaccato dalla guerra, invecchiato, ma anche ironico, coraggioso e generoso.
  • Rey usa la Forza per farsi liberare dallo stormtrooper.  In quel momento ho proprio realizzato che ‘cavolo è tutto vero, torniamo a parlare di Jedi, adesso lei troverà Luke e insieme restituiranno vita al tempio Jedi’.
  • Kylo Ren a ‘colloquio’ con la maschera distrutta di Darth Vader e l’inconfondibile musica in sottofondo.
  • Il confronto tra Han Solo e Kylo Ren: primo perché sentire Han chiamare ‘Ben‘ mi ha fatto battere il cuore, “lo hanno chiamato Ben! come Ben Kenobi!“, secondo perché beh, io il gesto estremo di Kylo Ren che trafigge suo padre non me lo aspettavo e ne soffro molto. Sì, capisco che era un gesto di rottura necessario per la storia, ne ha bisogno Ben/Kylo per non vacillare più verso il lato chiaro della Forza, e serviva anche a Rey che assiste alla scena, per tirare finalmente fuori le sue potenzialità Jedi.
  • Il primo incontro tra Rey e Luke, perché vedere Luke così invecchiato, così diverso, eppure riconoscere il mio jedi del cuore in quegli occhi è stato quello che aspettavo per tutto il film. E poi perché con questa storia dello Jedi donna J.J. Abrams ha finalmente sdoganato il mio sogno: se non posso andare alla scuola di magia e stregoneria di Howgwarts, forse potrò diventare una Jedi!

Però ci sono stati delle cosette che non mi sono piaciute moltissimo eh.

Star-Wars-VII-il-risveglio-della-forza.trailer.jpg

I momenti che proprio no:

  • Il comandante Snoke e il suo capoccione che redarguiscono Kylo Ren: non c’era quella cattiveria, quel mistero che aleggiava intorno a Palpatine, e sinceramente la prima cosa che ho pensato era che come villain sembrava uscito da Lanterna Verde (no, non è un complimento, ma se non avete avuto la sfortuna di vedere Lanterna Verde forse non mi capite).
  • Kylo Ren che fa a pezzi una intera stanza con la spada laser in un momento di ira. Scusate, ma io più che un temibile cattivo che incute timore, ci ho visto me stessa in sindrome premestruale. (E ammetto che anche sentire Kylo Ren, chiamare Darth Vader ‘Nonno‘, mi ha suscitato leggera ilarità).
  • L’incontro tra Han e Leia. Ok, non è facile da spiegare. Ho visto il trailer, ho visto la foto in cui si abbracciano ed ecco…saperli separati e sapere che no, non torneranno insieme e che il loro ultimo incontro è stato così formale mi ha spezzato il cuore. E’ realistica come scelta per carità, spiega quanto il dolore inflitto dalla guerra abbia effettivamente inciso sui nostri vecchi protagonisti, Luke si è addirittura autoimposto l’esilio incapace di reggere il peso di quanto accaduto a Ben, però io sono una romantica e per loro avrei voluto non dico un lieto fine, ma almeno un ultimo incontro più ricco di sentimento cacchio J.J. me lo dovevi.
  • Il duello Finn/Kylo Ren, quando tutti non vedevamo l’ora che  Rey gliele desse di santa ragione.

Volete raccontarmi i migliori ed i peggiori momenti della pellicola secondo voi? Potete farlo nei commenti sul blog o su Facebook.

E se ancora non mi seguite sui social, che aspettate dico io.

Instagram

Facebook

 

 

 

Star Wars: Il risveglio della forza, io penso che…

han solo

Il gran giorno alla fine è arrivato anche per me. Le ore precedenti la visione di Star Wars: il risveglio della forza sono state una vera agonia. La paura dello spoiler dietro l’angolo mi ha snervata, non ho aperto Twitter per paura di trovarci in tendenza qualcosa che mi rovinasse la visione, stile #jonsnowdies ( ah non lo sapevate?) o peggio stile Tgcom ‘Lost, finisce la serie, il dottor Jack muore per salvare l’isola‘ ( è successo veramente). Uniteci l’angoscia di assistere a qualcosa di inguardabile e chi soffre quanto me pensando ad episodio I,II e III può capirmi, ed ecco il mio stato d’animo.

Continua a leggere…

Star Wars: i peggiori gadget ispirati alla saga

Come ben sapete tutti, a meno che non abbiate vissuto nell’ultimo mese in una grotta, oggi dopo tanta trepidante attesa, arriva in sala Star Wars: il risveglio della Forza.

Come sarà questo sequel della vecchia prima trilogia (episodio IV, V e VI per capirci) ce lo stiamo chiedendo tutti. Io ho deciso di prenderla con filosofia: se non mi piacerà potrò tranquillamente accantonarlo dalla mia memoria fingendo non sia mai stato girato, insieme ad episodio I, II e III. Dall’altra parte J.J. Abrams non è che sia esattamente un cretino e mi pare che su Star Trek, altra saga molto amata, avesse fatto un buon lavoro. E poi diciamocelo, siamo tutti curiosi di rivedere Luke, Han e Leila dopo tanti anni.
Ho sperato fino all’ultimo che mi piovesse dal cielo un invito per l’anteprima stampa romana, e invece niente, e per quanto attenda con ansia di vedere la pellicola, non lo farò stasera perché sì, ho paura degli spoiler come sempre, ma ho più paura di non godermi il film costretta ad uno spettacolo mezzo notturno dopo una giornata di lavoro.

Per celebrare questa giornata importantissima per noi nerd della galassia lontana lontana, ho comunque preparato per voi questo post concentrandomi su un fatto: quanto la Star Wars mania sia effettivamente sfuggita di mano all’Internet. Se è vero che in giro ho visto tanti gadget simpatici ispirati alla saga, è altrettanto vero che ce ne sono molti di più veramente improponibili. E visto che questo blog si propone come contenitore sì di serie tv e film, ma anche di amenità varie, potevo io farmi sfuggire questa occasione? Ringrazio dunque tantissimo per la pronta consulenza in merito Gabriele e Riccardo, probabilmente i più grande conoscitori di Star Wars insieme a quel maledetto di George Lucas.

Vediamo:

Direttamente dalla pagina Facebook Star Wars Style abbiamo delle belle fioriere.

12003302_698679270265920_6386630430374595451_n

Da GQ invece un simpatico lecca-lecca di Jar Jar Binks

jar jar binks

Ed ecco invece il costume Bantha per il vostro cane (poi ecco, se dovesse azzannarvi nel sonno io non mi lamenterei eh)

Dog-Costume bantha

Sobrissimo zainetto Chewbacca, usatelo per andare in ufficio per sperimentare nuovi livelli di emarginazione sociale

zainetto chewabacca

Cambio per automobile a forma di Stormtrooper, solo se siete aspiranti tronisti di Maria de Filippi

10616403_838497272848670_4662952545704004978_n

Solo per veri intenditori anche uno Han Solo porta Usb

10252010_774704612561270_3217852268988279666_n

Acquario R2D2, questo è un regalo perfetto per una persona che vi sta un po’ sulle palle

aquario r2d2

Tenda doccia Han Solo nella carbonite, non so voi, io lo trovo inquietante

han solo carbonite

Per non parlare di questo

star-wars-gadget

Inoltre, solo per anziani nerd:

an-imperial-walker

Dedichiamo un pensiero anche ai più attenti alla moda

scarpe star wars

Ed infine signori, il pezzo da novanta, qualcosa che pensavo non avrei visto mai #einvece. Per nerd passionali….

il_570xN.445203278_k7ka

Naturalmente questo è solo un estratto di quello che potreste trovare in giro. Vi assicuro però che volendo trovate anche oggetti molto belli, come le nuove Moleskine o meravigliose teglie da forno ( io ne ho una con la maschera di Darth Vader e me ne vanto sinceramente). Ovviamente se voleste commentare con ulteriori chicche al riguardo siete ben accetti.

E quindi…..che la Forza sia con voi.

 

 

 

Star Wars: the force awakens, il trailer ufficiale!

Oddio, Oddio, Oddio.

Possiamo dire che è il trailer più atteso dell’anno, ma che dico, del decennio?

Io non lo so cosa mi aspetto, non so se ho paura di lasciare nelle mani di J.J. Abrams una delle saghe più importanti della mia vita cinefila. Però vedere Han Solo con le rughe, e il Millennium Falcon e le spade laser e la musichetta, mi hanno fatto venire i brividi e scendere la lacrimuccia.

Ora non mi resta che farmi ibernare fino a Dicembre.

Fatemi sapere che ne pensate voi.

You failed us for the last time George!

Io amo la Disney. I migliori ricordi cinematografici della mia infanzia li devo alla casa di Topolino. Oddio a ben pensarci anche i peggiori, diciamo che Simba che con la zampina scuote il caro estinto Mufasa e la fucilata alla mamma di Bambi sono ancora cose che mi tolgono il sonno e mi fanno cercare kleneex e cioccolata, ma vabbè. La Disney è una macchina da guerra: ha acquisito  Pixar e Marvel, possiede pellicole di alta qualità ed ha, cosa molto spesso sottovalutata, uno dei migliori uffici stampa del pianeta, per creatività, affidabilità e svizzera precisione.

Detto ciò, Disney, io non ce l’ho con te, gli affari sono affari e amici come prima.

George Lucas.

Uno che dopo American Graffiti ha campato di rendita per secoli grazie a Star Wars, una delle mie (e di miliardi di esseri umani) saghe cinematografiche preferite, ha ben pensato di fare lentamente a pezzi la cosa che lo ha reso miliardario.

George, te ne abbiamo perdonate tante. Star Wars era perfetto così: la redenzione del simpatico Darth, Luke, Leila e Han felici e contenti, Obi wan che ogni tanto spunta a fare ciao con la manina in stile Casper e così via. Eh no. Lucas ha deciso di raccontare le vicende pregresse alle avventure del giovane Luke, ovvero la genesi di Darth Vader. Tremolii tra i fan, ma che fai, non dai fiducia all’autore di cotanto capolavoro? Tutto bene almeno finché non iniziano le fasi di casting. Con un colpo da vero maestro Lucas si aggiudica Hayden Christensen, Natalie Portman, Ewan McGregor, Liam Neeson e Papa Ratzinger. Un disastro: la Portman recita con lo stesso entusiasmo di Giuliano Ferrara al primo giorno di dieta, Christensen ha l’espressività di una pagina 404 (Cit.) e gli unici salvabili sono McGregor (che però trascorrerà gli anni successivi a dire che rottura di palle sia stato recitare da solo davanti ad un green screen) e Liam Neeson che però passa a miglior vita alla fine del primo film.

Sarebbe bastato questo ad inimicarsi i fan per tutta la vita, ma gli amanti di Star Wars hanno buon cuore. Imperterrito Lucas modifica fotogrammi della prima trilogia nelle edizioni in dvd, taglia  e rimette scene, da vita ad una serie di spin off inutili (per noi, molto meno per il suo conto  corrente) e annuncia a più riprese il ritiro dalle scene, offeso dalle continue minacce di morte dei fan più accaniti.

Ieri, il colpo di grazia: il volpone vende per 4 miliardi di dollari tutta la LucasFilm e ciò che ne deriva alla Disney. Compresi si intende, i diritti su Star Wars ed Indiana Jones. Questo significa che nel 2015 vedremo Guerre stellari episodio 7.  La motivazione, il desiderio di dedicarsi a piccoli film indipendenti e lasciare che la saga venga tramandata alle altre generazioni. Quella ufficiale. L’ufficiosa è che avendo sfruttato lo sfruttabile e avendo evidentemente la passione per il poker, Lucas si sia deciso a raccattare gli ultimi spiccioli e lasciare una tale pietra miliare nelle mani di Damon Lindelof e JJ Abrams. Embè non sei contenta? Mi chiedevano giusto stamattina. Bè, pur amando Abrams e riconoscendone la genialità so anche che è lo stesso che prima avvia un progetto e poi lo lascia in mano ad altri e io non dimentico i sei anni trascorsi dietro a Lost, per poi scoprire che tutto il  mistero *spoiler alert*, ruotava attorno ad una lampada – tombino e ad un tizio che credeva di essere il Messia.

Dovrò applicare la stessa tattica de Il cavaliere oscuro – il ritorno, che fingerò di non aver mai visto. Star wars per me si chiude con Il ritorno dello Jedi.